Assoporti
informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
19/01/2017
armatori, politiche marittime

Convenzione MLC 2006, marittimi tutelati dall'abbandono nave

dot Convenzione MLC 2006, marittimi tutelati dall'abbandono nave
a cura di Paolo Bosso 
 
«La Convenzione sul lavoro marittimo rappresenta il quarto pilastro dei trattati marittimi, insieme alla convenzione SOLAS (sicurezza sul lavoro), alla MARPOL (inquinamento) e alla STCW (formazione)». Il segretario dell'International Maritime Organization (IMO), Kitack Lim, saluta così l'entrata in vigore degli emendamenti 2014 alla Maritime Labour Convention (MLC), la Convenzione internazionale dell'IMO e dell'International Labour Organization (ILO) ratificata da 81 paesi nel 2006.

Gli emendamenti sono entrati in vigore il 18 gennaio ma l'Italia ha ottenuto una proroga di un anno. Intervengono su diversi importanti aspetti del lavoro marittimo inserendo un sistema di assicurazioni e copertura finanziaria volti a tutelare i casi di infortunio, disabilità, malattia e abbandono, ovvero quando, a seguito del fallimento della compagnia, i marittimi si ritrovano costretti a rimanere a bordo di una nave bloccata o sequestrata in un porto. La Convenzione obbliga ora gli armatori a stipulare un'assicurazione che li tuteli contro questa eventualità. «Questi emendamenti – commenta Lim - forniranno una migliore protezione per la gente di mare e i loro familiari. Sono il frutto della proficua collaborazione tra IMO e ILO per fornire maggiore protezione nei casi in cui le cose vadano male. Sono molto contento di vederli finalmente in vigore».

La Convenzione è stata adottata a Ginevra il 23 febbraio del 2006, nel corso della Conferenza generale dell'ILO (o OIL in italiano) che l'ha ratificata insieme all'IMO, con cui l'ha scritta nel corso di in una decina di anni di lavoro. Nel 2014 sono stati inseriti nuovi emendamenti, in vigore da ieri, che introducono un sistema di assicurazione finanziaria affinché gli armatori garantiscano una compensazione per i marittimi e le loro famiglie in casi di abbandono, morte o di disabilità a lungo termine, malattia o pericolo. 
 
I casi di abbandono dei marittimi a bordo
I nuovi emendamenti spingono ad evitare la complicata situazione dei marittimi bloccati in un porto, a bordo nave, per lunghi periodi, senza che l'armatore paghi loro stipendio e rimpatrio nel paese d'origine. Spesso sono stesso i marittimi a rifiutarsi di abbandonare la nave, riluttanti a lasciarla se non prima aver saldato i loro crediti tra risarscimenti e salari. Ora la risoluzione di queste situazioni di insolvenza sarà accelerata da un sistema di sicurezza finanziaria (financial security). Ad esso si affianca un sistema di risarcimento in caso di morte o disabilità a lungo termine. 
 
Le altre principali aree di intervento della MLC 2006 

Certificazione medica
Il certificato medico rilasciato ha validità di due anni ridotta ad uno se il marittimo ha meno di 18 anni. In questo caso può essere autorizzato a lavorare sulla base di una certificazione medica provvisoria valida fino al porto di scalo successivo e di durata comunque non superiore ai tre mesi per comprovate ragioni di urgenza o nel caso in cui il periodo di validità del certificato scada nel corso di un viaggio. Le navi passeggeri che effettuano navigazione internazionale a corto o lungo raggio e che trasportano più di cento persone devono avere a bordo un medico qualificato responsabile dell'assistenza sanitaria.

Copertura finanziaria
La copertura finanziaria relativa agli oneri derivanti dalle spese di missione di cui all'art. XIII della Convenzione è rinvenuta tramite una riduzione dello stanziamento dei "Fondi di riserva e speciali" della missione "Fondi da ripartire" dello stato di previsione del ministro dell'economia e delle finanze per l'anno 2013. Nel caso si verifichino scostamenti, il ministro dell'economia e delle finanze, sentito il ministro competente, può ridurre le dotazione a spese rimodulabili in spese di missione. 
 
Diserzione (modifiche art. 1091 Codice della navigazione)
È prevista la reclusione da 1 a 3 anni in caso di diserzione che abbia cagionato un pericolo per la vita, per l'incolumità fisica delle persone, per la sicurezza della nave. Le sanzioni amministrative ammontano da un minimo di 3mila ad un massimo di 25mila euro nei casi meno gravi.

Inosservanza (modifiche art. 1094 Codice della navigazione)
Nel caso in cui un componente dell'equipaggio non esegua un ordine di un superiore dato per la salvezza della nave o di una persona in pericolo, cagionando un pericolo su cose e persone, è punito con la reclusione da un minimo di sei mesi ad un massimo di 4 anni. I casi di minore rilevanza sono puniti con sanzione amministrativa tra i mille e i 25mila euro.
 
Maritime Labour Convention 2006, gli articoli
 
 
 
 
 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
11 DICEMBRE 2017 ore 16:15
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot