informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
06/09/2013
crociere

Concordia a galla entro il mese

dot Concordia a galla entro il mese
di Paolo Bosso 
 
Cominciano a schiarirsi i tempi di recupero del relitto del Costa Concordia. Nessuna data certa, ma entro la fine di questo mese la nave naufragata il 13 gennaio del 2012 di fronte l’isola del Giglio sarà a galla. C’è solo da scegliere il giorno preciso, che verrà deciso oggi pomeriggio in una riunione della Protezione Civile guidata da Franco Gabrielli. Facendo una media tra i dati della Protezione Civile, che parlano di un giorno tra il 20 e il 23 settembre, e quelli del ministro dell’Ambiente Andrea Orlando (16-26), possiamo azzardare l’ipotesi che entro l’ultima settimana di settembre il relitto da 114mila tonnellate sarà a inclinazione zero, adagiato sulla piattaforma sottomarina costruita da Titan e Micoperi. Sarà un momento mediatico importante, con un grado di attenzione simile ai giorni del tragico naufragio. Non mancheranno dirette tv, time lapse, ed esclusive che ci permetteranno di seguire l’evento. Dopodiché il grosso sarà fatto, non ci sarà nessun’altro intervento di particolari difficoltà ingegneristiche. Non toccherà che cercare gli ultimi due corpi dispersi, tappare la falla da 50 metri di lunghezza ed eventuali altri piccoli squarci aperti nell’altra fiancata, quella appoggiata da più di un anno e mezzo sul fondo scoglioso del Giglio.
Il parbuckling, così si chiama il raddrizzamento, avverrà in mezza giornata dicono gli ingegneri, in un tempo massimo di 12 ore. Lo strumento fondamentale saranno i cassoni fissati sulle fiancate, undici sul lato emerso, quello sinistro, e nove sul lato sommerso che verranno installate quando il bestione sarà tirato su. Funzioneranno dapprima come zavorra - pieni d’acqua per controbilanciare il tiraggio dei cavi – poi come contrappeso nella fase di rotazione, e infine come galleggianti (vuoti) in una doppia funzione: mantenere la nave stabile nella fase di riparazione e a galla quando dovrà navigare verso Piombino per essere smantellata.
In realtà il porto di destinazione per smantellarla non c’è ancora, perché né il governo né la Protezione Civile hanno ancora confermato nulla sul porto toscano. Ma sarebbe davvero una sorpresa se Piombino, vicino ad un’acciaieria e forte di un recente finanziamento governativo da 160 milioni (111 già approvati) che serviranno a creare un bacino e ad escavare i fondali, non dovesse essere il porto di destinazione per smantellare Costa Concordia.  

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
17 AGOSTO 2017 ore 16:24
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot