informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
05/01/2012
politiche marittime

Come funziona la tassa di ancoraggio?

dot
Come funziona la tassa di ancoraggio?
La crisi spinge a tagliare. Stipendi, impiegati, costi, investimenti. “Tagli” non è mai una bella parola. Ma c’è un caso in cui lo è. Un caso in cui il suo utilizzo fa rima con un altro termine, ben più positivo e strano da affiancare: incentivi. E’ il caso dei tagli alla tassa di ancoraggio, la tipica misura che utilizzano gli scali per attirare più navi verso le loro banchine. Nei giorni scorsi l'Autorità Portuale di Le Havre ha infatti deciso, per il terzo anno consecutivo, di congelare l’imposta per le navi portacontenitori. Non solo. Per incentivare l'impiego di “navi verdi”, dal prossimo 1° gennaio la Grand Port Maritime du Havre (Gpmh) concederà sconti fino al 10% sulle tasse portuali alle navi con il miglior indice di impatto ambientale Esi (Environmental Ship Index), definito dai porti di Amburgo, Amsterdam, Anversa, Brema, Le Havre e Rotterdam sulla base delle emissioni di inquinanti delle navi. Stesso esempio è stato seguito l'anno scorso da diversi scali italiani come gli hub di Gioia Tauro e Taranto.
Ma cos’è la tassa di ancoraggio? Come viene applicata? Essa è un’imposta che si applica alle navi nazionali e straniere che si ancorano in una spiaggia rada o in un porto nazionale in vista di operazioni commerciali. E’ periodica, ossia viene pagata ogni anno indipendentemente dalla attività che la nave svolge o dalla quantità di merce che tratta. Vale trenta giorni, dopodiché va pagata per tutto l’anno. Si paga nel primo porto di approdo ma è devoluta allo Stato e non al porto in questione, oltre ad essere pagata a decorrere dal giorno dell’approdo. E’ versata dall’armatore per conto della nave e se quest’ultima viene venduta, la tassa segue la nave, ossia il nuovo proprietario non la deve pagare. Stesso meccanismo per il cambio di bandiera ma solo per quelle equiparate alla bandiera nazionale. Sono previste riduzioni per le navi che imbarcano e sbarcano piccoli carichi ma bisogna pagare un diritto. Su questi ultimi sgravi e sul meccanismo dei pagamenti del diritto di approdo non manca la confusione. Ad esempio se la nave sbarca passeggeri, come quelle crocieristiche, essa ha la facoltà di pagare questi diritti e non l’obbligo. 
La norma prevede proroghe sulla durata della tassa. Ad esempio il tempo trascorso in quarantena o rigore, le cause di “forza maggiore”, lo sciopero, navi requisite dalla marina non vengono incluse negli obblighi di pagamento. 
Sono infine esenti dalla tassa le navi con stazza minore alle 50 tonnellate, le navi da diporto, da guerra, in disarmo, navi ospedali, porta cavi, nazionali che esercitano la pesca e adibite esclusivamente al trasporto del pescato.
 
Paolo Bosso 
 
(fonte: www.demaniomarittimo.it | foto: g-flow
 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
17 AGOSTO 2017 ore 10:19
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot