informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
27/10/2010

Codice di buone pratiche, un "galateo" per porti e città

dot
Codice di buone pratiche, un "galateo" per porti e città
Non è un comparto industriale come l’auto, né un segmento produttivo come l’agricoltura, ma il contributo della portualità italiana al prodotto interno lordo del paese è superiore a entrambi. In occasione della presentazione del “Codice di Buone Pratiche” presentato da Assoporti nel corso del convegno European Sea Port Organization di Roma, il presidente Francesco Nerli ribadisce un dato importante spesso sottovalutato da governi e amministrazioni. «Il contributo al prodotto interno lordo della portualità in Italia – afferma - è di gran lunga superiore a quello generato dal comparto automobilistico e da quello agricolo, ma nel nostro paese questo aspetto rilevante continua ad essere sottovalutato dalle nostre istituzioni».
Secondo Nerli i porti costituiscono nodi primari della filiera logistica e sono determinanti per i processi di approvvigionamento del sistema produttivo e per l’accesso ai mercati. Un comparto che dà lavoro a oltre 77.000 persone con profili professionali altamente qualificati e specializzati che muove circa 435 milioni di tonnellate di merci e dove transitano 48 milioni di passeggeri ogni anno. Numeri, spiega il presidente dell’associazione dei porti italiani, «che parlano da soli, ma in Italia il dibattito si accende solo quando si affrontano i temi che riguardano il mercato automobilistico, mentre quando si parla di porti è quasi sempre in occasione di fatti di cronaca o incidenti». 
Per non sottovalutare più gli scali è necessario che le stesse città portuali siano consapevoli della loro centralità. Per questo Assoporti ha presentato la versione in italiano del codice di buone pratiche per l’integrazione sociale dei porti, un progetto sviluppato in ambito europeo dall’Espo per favorire la conoscenza e la diffusione del ruolo sociale e di valenza territoriale dei porti, nei confronti delle comunità locali. Le Autorità Portuali sono sempre più consapevoli di dover creare iniziative in grado di sviluppare sinergie di collaborazione con le città, al fine di migliorare la qualità e l'accessibilità delle aree portuali e per promuoverne l'immagine positiva nei confronti dell'opinione pubblica. A ciò si aggiunge la necessità di attrarre i giovani verso percorsi professionali legati alle diverse attività portuali anche in considerazione della carenza di lavoratori qualificati.

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
17 AGOSTO 2017 ore 16:24
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot