informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
28/02/2011

Bruxelles spinge le automare. Al vaglio l'ipotesi bond

dot
Bruxelles spinge le automare. Al vaglio l'ipotesi bond
Oggi il coordinatore europeo delle Autostrade del Mare, Luis Valente de Oliveira, è a Genova insieme con José Anselmo, rappresentante della direzione generale Mobilità e Trasporti della Commissione Europea, per partecipare alla prima riunione del cluster mediterraneo delle autostrade del mare, evento di due giornate che sarà seguito il prossimo aprile da un analogo incontro ad Aarhus tra i partner del cluster delle autostrade del mare del Mar Baltico e del Mare del Nord. I rappresenti dell'Ue incontrano, infatti, i partner dei quattro progetti mediterranei e dei quattro nordeuropei selezionati nell'ambito delle call for proposals per la distribuzione dei fondi 2010 delle Ten-T - Trans-European Transport Network.
L'incontro di oggi coincide con il lancio da parte della Commissione Europea di una consultazione pubblica sull'iniziativa Prestiti obbligazionari Europa 2020 per il finanziamento dei progetti che prevede il ricorso all'emissione di bond per finanziare lo sviluppo della rete infrastrutturale europea. L'obiettivo è di attrarre capitali provenienti da investitori quali i fondi pensionistici e le compagnie assicurative verso i progetti infrastrutturali portati avanti dalle imprese private. La consultazione si chiuderà il prossimo 2 maggio. «Gli strumenti finanziari - ha spiegato il commissario europeo agli Affari economici e monetari, Olli Rehn - dovrebbero contribuire al finanziamento di progetti di interesse generale. In questo momento i bilanci pubblici devono essere risanati, tuttavia dobbiamo nel contempo promuovere la crescita sostenibile in Europa. Le risorse del bilancio dell'UE devono essere utilizzate in maniera più efficace per permettere a questo tipo di progetti di attrarre finanziamenti dai mercati di capitali. Pertanto, nel quadro di questa iniziativa, uniremo le nostre forze a quelle della Banca Europea per gli Investimenti».
«Il finanziamento delle infrastrutture - ha osservato il presidente della Banca Europea per gli Investimenti (BEI), Philippe Maystadt - ha sofferto della crisi e le banche si trovano ad affrontare nuovi vincoli per quanto concerne i prestiti a lungo termine. I prestiti obbligazionari per finanziare i progetti potrebbero essere un modo per incoraggiare altri investitori come i fondi pensione e le società assicurative ad apportare capitale e completare efficacemente le tradizionali opzioni di finanziamento». La Commissione Europea ha ricordato che l'analisi dei piani di investimento nel settore dei trasporti degli Stati membri dell'UE indica che dopo il 2013 saranno necessari circa 21,5 miliardi di euro per rimuovere i colli di bottiglia, per realizzare i collegamenti transfrontalieri mancanti e per interconnettere le varie modalità di trasporto.
Nel corso della presentazione dell'incontro genovese, avvenuta stamani nella sede dell'ente regionale ligure con la partecipazione dell'assessore regionale alle Infrastrutture, Raffaella Paita, del presidente dell'Autorità Portuale di Genova, Luigi Merlo, e dell'amministratore delegato del Rina, Ugo Salerno, De Oliveira e Anselmo hanno sottolineato l'importanza dello sviluppo delle autostrade del mare nel quadro della politica europea dei trasporti. Nel budget 2007-2013 - ha ricordato Anselmo - a questa modalità sono stati riservati fondi per 350 milioni di euro su un totale di sette miliardi di euro destinati alla rete TEN-T - Trans-European Transport Network (lo stanziamento complessivo - precisiamo - risulta in effetti essere di 8,0 miliardi di euro). Se nel 2010 i finanziamenti alle autostrade del mare - ha spiegato Anselmo - sono stati 85 milioni di euro e l'anno precedente 20 milioni di euro, quest'anno, con il bando del prossimo maggio, l'importo per il programma delle autostrade del mare ammonterà ad almeno 60 milioni di euro.
Le giornate di oggi e domani nel capoluogo ligure, ospitate dalla Regione Liguria e dall'Autorità Portuale di Genova e organizzate in collaborazione con il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Italiano e il RINA, partner principali dei progetti approvati “MIELE” e “MOS 24”, hanno lo scopo di discutere in dettaglio l'agenda 2011 e i contributi al rapporto annuale del MOS (Motorways of the Sea) con il coordinatore europeo, di sfruttare le sinergie e sviluppare la cooperazione con altri progetti MOS e di identificare partenariati futuri con paesi limitrofi e/o altri progetti MOS collegati.
I quattro progetti attivamente coinvolti nel cluster mediterraneo con la Commissione Europea sono i seguenti: “MIELE” coordinato dal ministero delle infrastrutture e Trasporti Italiano e dal RINA; “ITS Adriatic multi-port gateway” coordinato dall'Autorità Portuale di Venezia; “MoS 24” - Centro di Promozione della co-modalità per l'integrazione del PP24 nel MoS Mediterraneo, promosso dall'Autorità Portuale di Genova; “MOS4MOS” Monitoraggio e Servizi Operativi per le Autostrade del Mare, condotto dall'Autorità Portuale di Valencia.

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
23 AGOSTO 2017 ore 09:17
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot