informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
16/07/2012
politiche marittime

Autorità portuali, due scuole di pensiero

dot
Autorità portuali, due scuole di pensiero
di Paolo Bosso
 
In Italia «ci sono due scuole di pensiero: secondo alcuni le authorities devono essere dei semplici amministratori di condominio, gestori del demanio pubblico, secondo altri dovrebbero invece essere business oriented e avere la facoltà di fare investimenti al di fuori dell'area portuale. Io sono a favore di quest'ultima tesi». A dirlo è il presidente dell’Autorità portuale di Livorno Giuliano Gallanti (nella foto) nel corso della presentazione del Piano Regolatore Portuale dello scalo toscano tenutosi a Livorno la settimana scorsa. 
Da un po’ di tempo in Italia è tornato il tema dell’accoglienza delle navi container di ultima generazione e ancora una volta si torna a parlare delle annose difficoltà infrastrutturali, logistiche e territoriali di questo paese. Attualmente banche, finanziarie e fondi di investimento stanno acquistando i grandi terminal del Belpaese. Un’occasione, secondo Gallanti, per trasformare le Autorità portuali in un organismo che vada oltre il semplice demanio ma diventino un “anello di congiunzione” tra la logistica marittima e terrestre. Civitavecchia e Genova, porti simbolo dei due principali business marittimi, le crociere e i container, hanno presentato due piani faraonici. Il primo una specie di New Deal che mette sul piatto entambe le attività, il secondo un piano ventennale che potenzierà enormemente banchine e traffici. Sono piani, per di più parole, se non vere e proprie attività di "marketing politico", fatto sta che se i due principali porti commerciali italiani progettano in questi termini vorrà dire che almeno loro un altro treno non vogliono perderlo. «I porti del Nord Europa – spiega il presidente dello scalo di Livorno - hanno capito prima di noi che uno scalo marittimo non è un semplice porto emporio, ma un anello di una complessa catena logistica: per questo hanno cominciato ad investire sugli inland terminal facendoli diventare dei veri e propri centri di smistamento e manipolazione della merce. Ed è uno dei motivi del loro grande successo: hanno fiumi navigabili, sono ben collegati ai mercati di riferimento e hanno interporti efficienti». Storia nota, l’Italia non ha questo livello di organizzazione, anche perché «è poco presente in Europa». «Pochi giorni fa – racconta Gallanti - ho letto lo studio sulla portualità italiana elaborato dalla Cassa Depositi e Prestiti: vi si legge una cosa nota, e cioè che i porti di riferimento per l'Alta Italia (Pianura Padana) non sono Genova, Livorno o La Spezia, ma Rotterdam, Anversa, Amburgo. Questo ci deve far riflettere, così come ci deve far riflettere il fatto che nemmeno un contenitore sbarcato in uno dei porti delle penisola raggiunge la Svizzera o la Baviera».

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
18 AGOSTO 2017 ore 10:35
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot