informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
07/03/2011
porti

Autonomia finanziaria, quali regole per l'Italia?

dot
Autonomia finanziaria, quali regole per l'Italia?
Che fine ha fatto l’autonomia finanziaria dei porti? Se lo chiedono in tanti in Italia. La misura, insieme allo sviluppo del Piano Nazionale della Logistica, permetterebbe ai porti della nostra penisola almeno di fronteggiare la forte concorrenza nordafricana. L’Europa, come ha affermato di recente segretario generale Espo Patrick Verhoeven, vede le nostre autorità portuali come un eccezione, visto che hanno un potere decisionale di molto inferiore alle altre nazioni. Brema Bremerhaven, per esempio, ha optato per una riduzione del 10% dei diritti portuali con sconto del 14% della tassa portuale sulle merci e del 7% sulla tassa di ancoraggio e per il blocco delle tariffe praticate dalle proprie banchine. Misure simili le ha fatte anche Barcellona: riduzione dei canoni demaniali, della tassa portuale sulle merci sbarcate e imbarcate, della tassa di ancoraggio e della tassa erariale sulle merci. Da noi è più complicato attuare tutti questi tagli con i nostri porti che devono rispondere direttamente alle autorità regionali e nazionali. «Non avere la certezza finanziaria per effettuare i necessari investimenti sulle grandi infrastrutture, è un freno allo sviluppo» ha detto di recente il presidente dell’Autorità Portuale di Napoli, che però ha precisato come nel nostro  paese i privati giochino un ruolo importante. Secondo Dassatti l’autonomia finanziaria non può venire solo dalle tasse, «un ruolo importante lo giocano anche i privati in un porto in cui il pubblico dà la concessione consentendo al privato di investire». Della stessa opinione il presidente dell’Authority di Genova Luigi Merlo che ritiene il connubio privato-banche la caratteristica principale del metodo di investimenti in Italia. «A Tangeri hanno investito 7,5 miliardi per il nuovo porto - ha detto Merlo - da noi sarebbe impensabile perché da qui non si ragiona studiando progetti strategici ma si procede parcellizzando gli investimenti con il metodo del padrinaggio. Alla fine toccherà all’Europa indicarci quali sono i sistemi strategici». Secondo Merlo bisogna coinvolgere maggiormente banche e privati per essere competitivi, «ma per quanto riguarda le dighe primarie e le infrastrutture ferroviarie serve l’intervento pubblico».
L’Africa morde e presto sarà in grado di fagocitare il transhipment che passa per il Mediterraneo. «In un mondo ormai globalizzato dove viene favorita una concentrazione verticale del potere economico nelle mani di poche mega carrier, le autorità portuali devono poter contare di più sullo scenario internazionale» disse tempo fa Giuliano Gallanti dopo la nomina a nuovo commissario dell'Autorità Portuale di Livorno. Il problema, quindi, è se adeguare l’autonomia finanziaria agli schemi già fissati dall’Unione Europea o adattarlo alle esigenze dell’Italia. 
Paolo Bosso 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
23 AGOSTO 2017 ore 09:17
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot