informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
05/09/2011
armatori, ambiente, logistica

Addio al Sistri...o arrivederci?

dot
Addio al Sistri...o arrivederci?
Che fine ha fatto il Sistri? O meglio: che fine farà? La commissione Bilancio del Senato ha approvato l'emendamento alla manovra di Ferragosto che recupera il sistema di tracciamento dei rifiuti industriali. Un piccolo passo indietro da parte del governo dopo l’abolizione prevista nella stesura originaria della misura. L’abrogazione del Sistri era stata decisa qualche settimana fa dal Consiglio dei Ministri, sempre attraverso un emendamento. Dure e immediate le proteste della categoria dell’autotrasporto. Cna-Fita ha prima chiesto il rimborso dei tributi pagati a partire dal 2009 e successivamente, in occasione dell’assemblea che si terrà il 6 settembre, ha annunciato l’intenzione di programmare “un’alternativa seria” al Sistri per adeguarsi alle normative europee. «E’ inutile - ha affermato oggi Cinzia Franchini, presidente nazionale Cna-Fita - che si continui in ordine sparso con proposte e denunce di responsabilità. La logica del “salviamo qualcosa” non ci interessa, mentre è urgente che l’autotrasporto chiarisca con una proposta i termini di disponibilità per concepire un serio sistema di tracciabilità dei rifiuti pericolosi come previsto dalla normativa europea». Poi la marcia indietro del governo: il sistema nazionale di tracciabilità dei rifiuti non sarà cancellato. 
Resta da domandarsi quando ripartirà a questo punto. L'emendamento sul Sistri al decreto legge 138 del 13 agosto 2011 approvato dal Senato parla di un ripristino per il 9 febbraio 2012. Rispetto alla versione originale, il “nuovo” Sistri prevede la possibilità di esonerare, in parte o totalmente, alcune categorie d'imprese. 
Il ministero che dovrà occuparsi dei dettagli è quello dell’Ambiente. Proprio nei giorni scorsi il ministro Prestigiacomo aveva ribadito la necessità di applicare il Sistri a tutte le 360mila aziende che producono, trasportano e smaltiscono rifiuti, senza deroghe per quelle di minori dimensioni. In ogni caso, eventuali esoneri potrebbero avvenire solamente per i rifiuti non catalogati come pericolosi.
Nel frattempo, fino a febbraio, si legge nell’emendamento, le imprese interessate avranno il tempo di risolvere “i problemi tecnici riscontrati finora” nell'applicazione del sistema. Ed è proprio l'autotrasporto ad esser stata la categoria più in difficoltà, in particolare sui collegamenti con il server per l'immissione dei dati ed il funzionamento degli equipaggiamenti di bordo (black box e chiavette usb).
In realtà questo sistema di monitoraggio è fin’ora chiaro a pochi. Non è stato ancora stabilito definitivamente, ad esempio, se l’obbligo di applicazione del Sistri valga anche per i veicoli stranieri che viaggiano sul territorio nazionale, oppure se gli apparecchi di tracciamento debbano essere installati anche su semirimorchi, casse mobili, cassoni scarrabili e container.
 
Paolo Bosso 

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
23 AGOSTO 2017 ore 09:17
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot