Shipping and Law
informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
12/12/2016
porti

A Trieste la cura del ferro funziona

dot A Trieste la cura del ferro funziona
a cura di Paolo Bosso 
 
La “cura del ferro”, lo slogan con il quale il ministro dei Trasporti Graziano Delrio incentra la riforma e il futuro dei porti italiani (all'inizio era una generica "cura dell'acqua" incentrata sui porti), sembra funzionare nel porto di Trieste. Giovedì 15 dicembre lo scalo giuliano segnerà un nuovo record con l'arrivo al molo VII della Msc Paloma, nave da 14mila teu, la più grande mai approdata nel mar Adriatico. 

Alla base del record c'è l'attrattività di uno scalo che sposta le merci sempre più con i treni e in modo sempre più razionale, cosa che a sua volta le dà la possibilità di spostarle con più facilità nell'entroterra continentale. È stata infatti eliminata la doppia manovra ferroviaria, quella che trasportava i treni dalla stazione di Campo Marzio all'entrata in porto, permettendo di ridurre del 30 per cento i costi e del 50 per cento i tempi di lavorazione, secondo l'Autorità di sistema portuale dell'Adriatico Orientale guidata da Zeno D'Agostino. Nel 2015 i semirimorchi sono aumentati del 34,5 per cento e i container del 26,4 per cento. Risultato: in un anno e mezzo i treni sono passati da 4,800 a 7,400 su un'infrastruttura ferroviaria che gode attualmente di progetti finanziati pari a 50 milioni di euro. 
 
Secondo uno studio che Mds Transmodal ha mostrato a novembre nel corso dell'Intermodal Europe di Rotterdam, Trieste si presenta come un porto più attrattivo e vitale dello scalo olandese, al netto delle differenze sostanziali (Trieste movimenta circa un decimo dei container di Rotterdam). In futuro lo scalo giuliano potrebbe spostare un teu di container nell'Europa continentale al costo di 890 euro contro gli attuali 1,270 di Rotterdam. Inoltre, nel 2030 avrà una capacità ferroviaria di 2 milioni di teu (oggi è 1,1 milioni). Uno scalo con un futuro roseo che si trova attualmente al 14posto in Europa per tonnellate movimentate (57 milioni nel 2015, pari a un tasso di crescita di quasi un terzo, il 31,4 per cento).
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
21 SETTEMBRE 2017 ore 15:37
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot